MOSAP NAPOLI: IV REPARTO MOBILE: ATTO DI DIFFIDA E VALUTAZIONE RICORSO ALLE VIE LEGALI

Ai fini della massima trasparenza dell’attività sin qui svolta si informa che a seguito dell’istanza di acceso agli atti ex L.241/90 presentata dal Mosap in data 13.04.2020, inerente all’adozione delle misure di prevenzione primaria e alla verifica delle dotazioni DPI, il giorno 22.04.2020 veniva comunicata dalla Direzione la nomina del Responsabile del Procedimento (affidata alla seconda carica del IV Reparto Mobile di Napoli) e contestualmente venivano eccepite dalla stessa Dirigenza alcune motivazioni circa la possibilità per il Mosap di poter accedere in maniera autonoma a determinati documenti, quali il DVR (documento valutazione rischio biologico Covid-19)  e DUVRI.

In esito alla medesima comunicazione, in data 24.04.2020  il Mosap a integrazione della prima istanza di accesso (del 13.04.2020), al fine di poter visionare i documenti in parola, adduceva una serie ragioni a suo favore, richiamando una serie di sentenze di diversi Tribunali Amministrativi.

La Direzione a seguito di ciò con una nota del 04.05.2020 – nel fornire una serie di documenti in formato digitale – ribadiva  che la documentazione relativa al DVR non poteva essere visionata autonomamente dal Mosap direttamente attraverso l’istituto dell’Accesso agli atti “L.241/90” (come richiesto),  ma esclusivamente mediante l’iter previsto dalla  “Legge 81/08” (TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO).

In riscontro a questa ultima nota della Direzione, il Mosap in data odierna (06.05.2020) ha presentato atto formale di diffida al fine di vedere accolta la propria richiesta di accesso anche relativamente a detti atti, annunciando inoltre che in caso di silenzio o di ulteriore risposta da cui si possa evincere de facto un ulteriore diniego si valuterà il ricorso alle vie legali.

Ulteriori Aggiornamenti a breve..


CASA