(1.2.A) MODULO 1 – ELEMENTI DI DIRITTO SINDACALE

1.1 ordinamento e regolamento, un quadro generale;

1.2 Accordo Nazionale Quadro, istituti e strumenti correlati;

A.N.Q. 2009 – elementi salienti:

a) l’istituzione di un tavolo centrale permanente di confronto, per la risoluzione delle controversie che non dovessero trovare soluzione a livello periferico;

b) l’opportunità di definire accordi decentrati, al fine di consentire agli uffici di adeguare gli orari in relazione alle esigenze in ambito locale

c) il confronto di tipo semestrale, e non più trimestrale

d) una disciplina volta a regolamentare gli orari dei servizi di ordine pubblico

e) uno specifico esonero dai turni in fasce serali e notturne per il personale che abbia compiuto i 50 anni di età.

f) una regolamentazione ad hoc dell’istituto dello straordinario programmato, finalizzata a garantire una maggiore funzionalità degli uffici, attraverso un Progetto.

n.b.: Lo straordinario programmato va distinto dallo straordinario obbligatorio, previsto dall’articolo 63 della Legge 121, il cosiddetto Straordinario emergente, che è un istituto destinato invece alla gestione di esigenze che eccedono l’attività ordinaria).

Tutti questi punti, assieme ad una esamina complessiva dell’accoro nazionale quadro, saranno trattati nel modulo 2 in videoconferenza, anche con esempi e casi pratici.

PROSEGUI

1.3 organizzazione sindacale, rappresentatività e affiliazioni.


TORNA AL MENU INIZIALE